Monitoraggio della popolazione di lupo Alpina

Monitoraggio invernale della popolazione di lupo, aggiornamento dal Verbano-Cusio-Ossola (Piemonte)

1 Febbraio 2024
STAFF LWA EU

Nello scorso mese di novembre è iniziato il monitoraggio invernale della popolazione di lupo dell’arco alpino italiano realizzato nell’ambito del progetto LIFE WOLFALPS EU, che terminerà il prossimo mese di aprile. La rete di rilevatori operanti sul territorio della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola nell’ambito del progetto, composta da personale della Polizia Provinciale, Carabinieri Forestali, Guardiaparco e personale tecnico dell’Ente di Gestione delle Aree protette dell’Ossola e del Parco Nazionale della Val Grande, Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, Guardiacaccia dell’Azienda Faunistica Val Formazza e volontari del Gruppo Grandi Carnivori del CAI, nonché da tecnici e cacciatori dei Comprensori Alpini VCO1, VCO2 e VCO3 che hanno ricevuto specifica formazione, sta percorrendo con cadenza mensile la rete di 52 percorsi distribuita sul territorio della Provincia del VCO, attivato 60 fototrappole e contribuito alla raccolta e verifica di informazioni “occasionali”. 

In questa prima fase del monitoraggio invernale sono stati raccolti numerosi indizi di presenza probabile o certa di lupo (essenzialmente escrementi, piste su neve e fotografie e video da fototrappole) distribuiti nei comuni di Antrona Schieranco, Arola, Aurano, Baceno, Bannio Anzino, Baveno, Beura-Cardezza, Bognanco Borgomezzavalle, Calasca Castiglione, Caprezzo, Casale Corte Cerro, Cavaglio Spoccia, Ceppo Morelli, Cesara, Cossogno, Craveggia, Crevoladossola, Crodo, Domodossola, Druogno, Falmenta, Formazza, Gurro, Intragna, Loreglia, Madonna del Sasso, Malesco, Masera, Miazzina, Montecrestese, Nonio, Premia, Quarna sotto, Re, Santa Maria Maggiore, Stresa, Toceno, Trasquera, Trontano, Valstrona, Vanzone con San Carlo, Varzo e Villadossola. Nella maggior parte dei casi è stata accertata la presenza contemporanea di più individui, con un massimo di 9 esemplari filmati in valle Bognanco.

Può valere la pena ricordare che nel caso si incontrino lupi (ma vale anche per altri animali) su strade mentre si è in auto non bisogna inseguire gli animali. È opportuno invece accostare e aspettare che si allontanino. L’osservazione di questi animali di notte su strade, anche in contesti con urbanizzazione sparsa, è un evento poco frequente ma non così raro come si potrebbe pensare. In questi casi l’osservazione avviene generalmente da un automezzo ed i lupi si possono comportare in modo in apparenza poco timoroso nei confronti dell’uomo, analogamente a quanto avviene per altre specie animali.

Per contro, un lupo che si avvicini volontariamente alle persone non viene considerato un evento normale e situazioni di questo tipo devono essere assolutamente segnalate a Carabinieri Forestali o alla Polizia Provinciale perché possano essere monitorate.

Leggi i comunicato completo: https://www.areeprotetteossola.it/it/ente-parchi/ufficio-stampa/archivio-news-e-comunicati-stampa/2260-monitoraggio-invernale-del-lupo-dell-arco-alpino?jjj=1706778014607