Posts Categorized: Avanzamento

Lupi morti, presunti misteri e autentiche bufale

COLLAGE

Non è morta uccisa a colpi di carabina, come hanno riportato in un primo tempo La Stampa e Il Risveglio la femmina di lupo di dieci mesi d’età recuperata giorni fa fa a Monastero di Lanzo (TO)

News da Paolino, lupo in dispersione.

2017_03_05_PAOLINO_3_logo

Il lupo Paolino, radiocollarato nell’ambito del Progetto LIFE M.I.R.CO. e ora seguito nell’ambito del Progetto LIFE WolfAlps, con un naturale processo di dispersione si è spostato dall’Appennino tosco-emiliano alle Alpi cuneesi. Uno spostamento di centinaia di chilometri in pochi mesi, puntualmente monitorato via radiocollare. Qualche tempo fa lo avevamo lasciato nel monregalese, dove il radiocollare aveva trasmesso le ultime localizzazioni: poi – all’improvviso – il silenzio. Finché…

30 giugno – 2 luglio: Trekking degli Alpeggi con LIFE WolfAlps!

20160524_145206

Da venerdì pomeriggio a domenica pomeriggio: due giorni e mezzo di immersione totale fra pascoli e rifugi nell’affascinante massiccio calcareo del Marguareis, all’interno dell’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Marittime in compagnia di una guida naturalistica del Parco per incontrare lungo il cammino allevatori, guardiaparco, ricercatori, rifugisti e altre figure in qualche modo coinvolte dal ritorno del lupo sulle Alpi. Nelle valli Pesio, Ellero e Tanaro di lupo se ne intendono: è qui che si è insediato il primo branco delle Alpi italiane e qui il lupo vive stabilmente da circa vent’anni.

Spettacolo teatrale RENDEZ-VOUS 2200: le date in provincia di Cuneo

Locandina_coming_soon

Siamo molto felici di potervi invitare allo spettacolo teatrale LIFE WOLFALPS dal titolo RENDEZ-VOUS 2200, prodotto a cura del MUSE di Trento e messo in scena dalla compagnia TrentoSpettacoli. Di che si tratta? Di un’occasione per riflettere criticamente sul rapporto uomo-lupo. Lo spettacolo propone spunti di riflessione e mette in gioco prospettive insolite: sarà lo spettatore a tirare le fila e a costruirsi la propria opinione critica e informata.

Sulle tracce del lupo e dell’orso…di segale!

P1040630_

Una breve e facile escursione accompagnata da una guida del Parco fino alla borgata di Tetti Bartòla e una visita al Museo della Civiltà della segale per scoprire le tradizioni di Sant’Anna di Valdieri e la natura del Parco: dal ritorno spontaneo del lupo sulle Alpi alle tracce che gli animali lasciano sulla neve.
Al termine dell’escursione, piccola degustazione di prodotti locali presso la locanda “Balma Meris” e poi tutti a Valdieri per il carnevale alpino con l’orso di paglia di segale!
Basteranno gli scarponi o ci vorranno le racchette da neve? Lo sapremo solo qualche giorno prima, quando la Guida del Parco farà la sua previsita: il tempo atmosferico è sempre imprevedibile…

Striscia la rettifica

Desktop4

Dopo il nostro video e le moltissime critiche arrivate alla redazione da tecnici, ricercatori, associazioni (da vedere il video curato dal WWF) e semplici cittadini indignati, Striscia ha deciso di fare un po’ di chiarezza con un nuovo servizio dedicato al lupo.

La reazione positiva della redazione di Striscia la notizia è davvero un ottimo segnale: quando i cittadini incontrano dei comunicatori responsabili si ottengono dei buoni risultati! Un’altra informazione è possibile, persino sul lupo!

Il viaggio del lupo Paolino dall’Appennino alle Alpi

risultati-attesi-cover-001

Paolino is the new Ligabue. “Paolino”, lupo di un branco dell’Appennino Tosco-Emiliano, è stato catturato e rilasciato in loco con un radiocollare gps nell’ambito del progetto LIFE M.I.R.CO – LUPO (www.lifemircolupo.it). Dopo qualche mese, Paolino ha lasciato il branco di origine per partire all’avventura in un processo chiamato “dispersione”, che porta i lupi giovani ad allontanarsi anche di centinaia di chilometri alla ricerca di un nuovo territorio e di una nuova compagna. L’animale, dopo aver risalito l’Appennino e aver trascorso un po’ di tempo in provincia di Alessandria, si trova ora in provincia di Cuneo – nella zona del monregalese. Si tratta del secondo caso documentato in tempo reale di dispersione naturale di un lupo dall’Appennino alle Alpi, a dodici anni di distanza dall’avventura dell’ormai famoso lupo Ligabue, raccontata anche presso il Centro faunistico “Uomini e Lupi”.